Kōridashi, la tecnica giapponese del tè freddo infuso con cubetti di ghiaccio

Più che un tè freddo, è un gesto di pazienza e di… poesia. Ah, non aspettarti litroni di iced tea, però: otterrai due o tre tazzine al massimo ma, ti assicuro, ne sarà valsa la pena (e il tempo). Kōridashi o kooridashi (氷出し), letteralmente “fuori ghiaccio” è una tecnica giapponese per preparare il tè freddo usando, al posto dell’acqua, cubetti di ghiaccio.

Il tempo che ti piace perdere non è tempo perso.

Marthe Troly-Curtin

Tè freddo preparato con il metodo giapponese Kōridashi (con cubetti di ghiacchio)

  • Porzioni: 2 tazze
  • Difficoltà: molto facile
  • Stampa

L'infusione con il ghiaccio (in giapponese 'kooridashi') è una tecnica nipponica, semplicissima e 'summer-friendly'.

Occorente:

  • Una teiera o altro recipiente (l’ideale è una kyusu, teiera giapponese con manico laterale)
  • Foglie di tè (per una teiera da 400 ml servono 4-5 grammi o 2 cucchiaini rasi di foglie)
  • Cubetti di ghiaccio (quanto basta per riempire la teiera), meglio se ottenuti con acqua a basso residuo fisso.

Istruzioni

  1. Metti le foglie di tè nella teiera kyusu.
  2. Riempi la teiera di cubetti di ghiaccio.
  3. Ponila, senza coperchio, in un luogo caldo o al sole e aspetta che il ghiaccio si sciolga completamente.
  4. Servi versando il tè freddo nelle tazze alternativamente, in modo che la quantità e il gusto sia uguale in ogni tazzina.


Perché fare il tè freddo con il metodo Kōridashi?

L’infuso risulta più dolce e più umami: le note amare e astringenti dovute alla caffeina e alle catechine (antiossidanti) contenute nelle foglie di tè sono molto attenuate nel tè preparato con il ghiaccio. Perché? È la chimica, baby:

  • Le molecole della caffeina e delle catechine sono meno solubili nell’acqua fredda che in quella calda.
  • La L-teanina, invece, viene estratta anche a temperature più basse. È un amino acido che intensifica le note di umami e conferisce dolcezza all’infuso.

LEGGI ANCHE → Fare colpo su un tealover italiano, puntata 1: Talk tea like a pro!

Tutti i tè giapponesi possono essere preparati con la tecnica Kōridashi?

Questo metodo si presta soprattutto per la preparazione del Gyokuro e di verdi giapponesi più pregiati quali Kabusecha (Sencha d’ombra), Sencha Fukamushi (Sencha cotto a vapore per almeno 80 secondi), Tamaryokucha… Ciò che accomuna questi tè è il carattere dolce e una modesta astringenza dei tannini. L’infusione con il ghiaccio permette quindi di esaltare la loro anima umami.

VEDI ANCHE → Il tè della domenica: Kōridashi Sencha (infuso con ghiaccio)

Fonte

© RIPRODUZIONE RISERVATA. Per utilizzare i materiali di Prima Infusione è obbligatorio indicare il link attivo al pezzo originale. Se non è indicato diversamente, tutte le foto sono di proprietà ed uso esclusivo di Jurga Po Alessi | primainfusione.com.

4 risposte a "Come fare il tè infuso a freddo con cubetti di ghiaccio"

    1. Grazie a te! Fammi sapere del tuo esperimento e se a te piace. Io questo metodo l’ho scoperto anni fa, lavorando in un negozio di tè. A luglio, quando la città si svuotata e in giro non c’era un cane, era un modo simpatico per ammazzare il tempo 🙂

      Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.