È ok sapere di non sapere

Ieri sera stavo ascoltando un’intervista radiofonica di LRT (in 🇱🇹) a Donaldas Kajokas, uno tra i miei poeti e scrittori lituani preferiti, e queste sue parole sono arrivate come un flash, come la fiamma di un cerino che accende la sigaretta e t’illumina, per un istante, il viso. E il buio, dopo, è un po’ meno buio. Buona Santa Lucia, tea friends.

“Il non-sapere è una cosa bellissima quando inizi a capire che con quella tua mente non riuscirai mai a dare risposte alle domande più essenziali. /…/ Sapere di non sapere è molto ok, è la tua condizione naturale. /…/ Quando fai qualcosa che è molto importante per te, ad esempio sei un contadino e lavori la terra, o magari sei un poeta e scrivi, devi capire che quello che fai è la cosa più importante al mondo. Non esiste nulla di più importante. Ma questo non basta. Devi avere un secondo fondo, quello di sapere che, in generale, quello che l’uomo fa non è mai troppo importante. E allora quando i due — l’importantissimo e il non-importante — si fondono, accade quel dolce non-sapere.”

— Donaldas Kajokas

© RIPRODUZIONE RISERVATA. Per utilizzare i materiali di Prima Infusione è obbligatorio indicare il link attivo al pezzo originale. Se non è indicato diversamente, tutte le foto sono di proprietà ed uso esclusivo di Jurga Po Alessi | primainfusione.com.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.