Šalta japoniška arbata: menas džiaugtis mažais dalykais (via IT lietuviai)

“Koori-dashi pažodžiui iÅ¡vertus reiÅ¡kia „iÅ¡ ledo“. Kartais dar vadinama shinobi-cha, bet esmė ta pati – vietoj įprasto vandens naudojami ledo kubeliai, kurie, lėtai tirpdami kambario temperatÅ«roje, iÅ¡traukia iÅ¡ arbatos lapelių pačią esenciją – sodrios spalvos, intensyvaus skonio ir velniÅ¡kai gaivią.”
Un grazie di 🖤 a ITLIETUVIAI.IT, portale di notizie dei lituani d’Italia per l’entusiasmante opportunità di narrare le mie tea stories anche in lituano. In questa, parlo di koori-dashi e di quelle piccole magie quotidiane che una tazza di tè sa creare.

Tutto quello che dice la scienza sul tè di KOMBUCHA (via Wired Italia)

Scrive Wired Italia: “La kombucha non è un fungo, e non necessariamente deve essere associata al tè. Volendone dare una definizione generale, il cosiddetto tè di kombucha – che resta comunque il prodotto di consumo maggioritario realizzato a partire dallo Scoby – è una bevanda probiotica fermentata, per molti versi analoga al vino o alla birra. Proprio come questi ultimi contiene zuccheri, alcol e anidride carbonica, infatti la bevanda risulta leggermente frizzante e dolce. Il ruolo del tè è solo quello di fornire un sapore più gradevole.”

Più tè e tanta poesia: ecco i nostri buoni propositi per il 2018!

      E i voi, avete già scritto i buoni propositi per il 2018?

Continua a leggere

Kazuya Matsumoto e la via del tè naturale

La storia del Tea Master Kazuya Matsumoto è un vero hero’s journey alla Joseph Campbell. Nato a Minamata, luogo di un disastro ambientale provocato da un’industria chimica, eredita dal bisnonno un piccolo tea garden e decide di coltivare il tè come natura comanda: niente pesticidi, niente fertilizzanti, niente bullshit, nemmeno quello organico.

Continua a leggere